Le nostre credenze e le Leggi Universali

pietre
Tempo di lettura: 2 minuti

Diverse sono le nostre credenze rispetto alle leggi Universali della Natura.

Spesso alcuni di noi le intendono la stessa cosa, tuttavia la distinzione è ben netta.

Le credenze che abbiamo sulla moltitudine delle cose sono nostre convinzioni, giudizi e dogmi ai quali fedelmente ci siamo conformati senza mai poter ipotizzare che le cose possono essere diverse.

Da qui, questo concetto lo allarghiamo al nostro modo di vivere, alla nostra “filosofia di vita” e a ciò restiamo imbrigliati, credendo di essere completamente nel “giusto” e che il nostro pensiero sia universalmente il modo corretto di essere e agire.

Se questo nella società è pratica diffusa, ognuno con le sue certezze da imporre agli altri si muove come carro armato senza mai “sentire” che ci potrebbe essere qualcosa di più “grande” a cui fare riferimento.

Un esempio di credenza che alcuni di noi hanno è quella di poter star bene allontanandosi e isolandosi dalla Natura, perdendo sempre più il contatto con essa. Questo è semplicemente impossibile.

Noi siamo parte della Natura, in quanto sue creazioni, siamo fratelli con tutto ciò che l’Universo ha creato, piante, acqua, luce, aria, ecc.

Come possiamo pensare di vivere bene “credendo” di poter fare a meno della vicinanza dei nostri fratelli creati dalla stessa Madre. Le vibrazioni che abbiamo dentro sono le stesse, siamo fatti della stessa sostanza, e questo se ci ascoltiamo nel profondo, senza farci influenzare da condizionamenti, lo sentiamo vibrare nel cuore. Inevitabilmente poi il benessere individuale migliora e può essere emanato anche agli altri esseri.

Noi, in base ai nostri condizionamenti, alla nostra crescita, a tutto ciò che ci ha influenzato fino ad oggi abbiamo edificato un sistema di certezze intorno al quale gravitiamo costantemente e che non mettiamo mai in dubbio.

Questo succede probabilmente perché abbiamo perso la capacità di “sentire” di “ascoltarci”, abbiamo perso l’intuito di muoverci in base a ciò che è in sintonia con noi stessi.

La conferma di ciò che dico la possiamo trovare quotidianamente, osservando il mondo che ci circonda. Se le “certezze” che abbiamo fossero in relazione benefica con le Leggi Universali dell’Universo le persone manifesterebbero un evidente stato di benessere, tangibile, visibile, respirabile e capace di diffondersi autonomamente agli altri e al mondo. Quello che vediamo non è questo. Il malessere psico-fisico dilaga, tra i giovani e i meno-giovani, segno che stiamo andando nella direzione sbagliata.

Dobbiamo cercare di rallentare lo stile di vita, cercando di ritornare in vibrazione con le Leggi Universali.

Il contatto con la Natura, l’apertura del cuore.

Porsi in uno stato di naturale accettazione, senza opporsi all’esistenza, la quale se ascoltata e seguita rispettando le sue leggi e lezioni, porterà per noi solo ciò che risulta in risonanza, quindi benessere e amore.

Buon cambiamento !

Accettazione

accettazione
Tempo di lettura: 1 minuto

Dobbiamo prima vederlo poi accettarlo e successivamente assecondarlo.

Ma che cosa ?

di non poter essere sempre al massimo ma di andare a corrente alternata cioè prima tanto poi poco o nulla, che non vuol dire “cazzeggio “completo dove la mente è comunque attiva ma attraverso la meditazione cercare di zittire la mente e fermare il corpo per dare voce al vero essere che siamo.

Solo attraverso questi stop forzati possiamo dare libero sfogo alla nostra creatività.

Non dobbiamo arrabbiarsi o tanto meno sentirsi in colpa con noi stessi se abbiamo bisogno di questi tempi di raccolta anche perché dopo stop bruschi di lavoro produciamo di più e in modo pressoché inconsapevole ma molto redditizio.

Ascolto

ascolto
Tempo di lettura: 1 minuto

Chiudi gli occhi.

Spegni l’interruttore verso il mondo esterno.

Da solo.

Abbandonati .

Non opporre resistenza alcuna .

Fatti cullare e avvolgere da tutto quello che emerge da dentro di te e a uno a uno lascia passare ogni cosa, ogni pensiero, idea, commento….

Lascia andare la mente fino a non avere più niente a cui porgere attenzione.

Poi ascolta con beatitudine quello che emerge e portalo sempre con te nelle attività quotidiane.

La felicità e l’assoluta certezza che qualcosa in te sia davvero permanente e infinitamente grande allora verrà fuori e non potrà che rallegrarti giorno dopo giorno.

Silenzio

silenzio
Tempo di lettura: 1 minuto

Silenzio come mezzo per poter conoscere davvero cosa siamo.

Accogliamolo come cosa gradita e ricercata perché attraverso di lui possiamo incominciare davvero a comprendere le sottili catene che ci impediscono di vedere quello che siamo nel profondo di noi.

Ripartire

montagna
Tempo di lettura: 1 minuto

Partiamo dal presupposto che la vita è un dono meraviglioso e che tutto quello che ti capita, se lo analizzi a 360° , ti succede per indicarti una nuova via, un nuovo sentiero da intraprendere lasciandoti alle spalle il vecchio e portandoti dietro solo tutto quello che scaturisce dalla nuova consapevolezza.

Ogni nuovo giorno dovrebbe essere proiettato a un solo ed unico scopo: mettere nuovi mattoni per la costruzione del tuo nuovo mondo.

Spesso, anche a me succede, ci crogioliamo nelle difficoltà, nelle relazioni fallite, nei problemi, se pur importanti al momento, ma che sono talmente occupanti spazio vitale che poi alla fine non abbiamo né energia né tanto meno tempo per vedere oltre e soprattutto per occuparci dei nostri veri obbiettivi.

Basta!

E’ il momento di tirare una riga

respirare e ricominciare!

Un aiuto da Madre Natura

cigno
Tempo di lettura: 2 minuti

Approcciarsi alla vita in un modo o in un altro ti cambia tanto e cambia anche quello che puoi riuscire a fare oppure no.

La frase pensa positivo è sempre vista come qualcosa di profondamente utopico e poco realizzabile perché ci hanno sempre insegnato che è importante avere la testa sulle spalle e i piedi ben piantati a terra perché solo così è il modo migliore per affrontare la vita.

Ma siamo davvero sicuri di questo?

Volgiamo un attimo lo sguardo ai bambini (anche noi lo siamo stati tanto tempo fa non c’è lo ricordiamo più?): in tantissime situazioni sono proprio loro con la loro leggerezza d’animo e capacità di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno a darci lezione di come vivere meglio.

Molti direbbero che il motivo sta che l’infanzia non è ancora turbata dalle problematiche di noi adulti come i soldi ,le responsabilità etc ma sappiamo bene che non è così purtroppo….e quindi una parte di colpa sta davvero nella eccessiva pesantezza e poca speranza che ormai avvolge l’umanità.

Come fare allora a vivere meglio ogni giorno?

Secondo me per prima cosa convincersi che tutto quello che sta fuori di noi non può realmente condizionare anche se sempre ci sembra così.

Il dentro di noi è bellissimo ,unico,indistruttibile perché è un continuo divenire ,un sentiero senza una fine,un moto perpetuo.

Tutto quello che sta fuori non è noi!

È difficile ci vuole impegno,volontà e costanza ma non è impossibile ;abbiamo a portata di mano un validissimo aiuto di cui troppo spesso ci dimentichiamo e di cui pensiamo di fare a meno …che è Madre Natura!!

Solo grazie a lei siamo nati e solo grazie a lei continuano a vivere ma perché allora non la contattiamo mai?

Per illuderci di stare bene ci immergiamo nelle moltitudini, nel caos (tipo centri commerciali, cinema, locali, discoteche etc…)senza rendersi conto che è solo dentro di lei che riusciamo a ricaricarsi davvero.

Dolore accolto

goccia
Tempo di lettura: 1 minuto

Cosa è il dolore?

Se non una miriade di lance che ti trafiggono il petto?

Sento che dentro qualcosa si è spezzato per sempre troppo duro da accettare troppo pesante quel fardello, cerco di assaporare il dolore come se fosse una cosa che invece di venire per farmi male mi serva a capirmi di più ma è dura da mandare giù è dura accettarlo perché per ora sento solo il vuoto dentro di me e basta.

Piano piano cerco di far strada dentro me a qualcosa che forse è da tanto che cerco ma invano non ho mai trovato.

Calde e rigogliose lacrime rigano il mio volto infreddolito non dal freddo climatico ma da quel macigno di marmo che pesantemente si è addossato su di me sul mio cuore.

Anima che vola via

autunno
Tempo di lettura: 1 minuto

È stata forse per mano mia che te anima delicata te ne sei andata?

Era già giunta la tua ora ?

Non voglio pensare di averti arrecato un danno e se l’ho fatto non era certo volontario da parte mia.

Sei tornata dalla Nostra Madre Natura che dolcemente accoglie tutte le sue creature proteggendole e nutrendole da sempre e per sempre.

Madre Natura

coccinelle
Tempo di lettura: 1 minuto

Sei sempre e da sempre con noi, nasciamo grazie a te ,cresciamo nutriti da te, sei tutto quello che abbiamo intorno a noi, sei dentro di noi.

Sei amorevole e generosa con tutti gli esseri viventi, ma anche severa e se ti perdiamo di vista non seguendo più le tue leggi iniziamo a stare male e dobbiamo per forza tornare a te.

Oh Madre Natura proteggici e aiutaci a non perdere mai la connessione che abbiamo con te !!

Meditare

buddha
Tempo di lettura: 1 minuto

“Entrare in contatto con qualcosa.

Quel qualcosa sei tu!

Trovare pace in noi che risorsa immensa.

Avere a portata di mano una pratica così fruttuosa e non conoscerla ,non volerne usufruire è un peccato enorme e un danno arrecato all’umanità”.